SITE TITLE

LOGO DIETI

Perchè iscriversi alla magistrale

Iscriversi alla laurea magistrale è interessante perchè vi vengono insegnati i corsi più stimolanti e avanzati, le materie più innovative e interdisciplinari, potendo far leva sulle competenze di base precedentemente acquisite con la laurea di primo livello. Gli argomenti trattati arrivano ai confini della ricerca e forniscono una prospettiva sulle tecnologie che verranno realizzate nel prossimo futuro.

Le competenze approfondite così acquisite influiscono sulle prospettive di carriera. In generale, le lauree specialistiche danno accesso a contratti di lavoro più stabili e meglio retribuiti, e a posizioni di maggior responsabilità rispetto a quanto non consentano le lauree triennali. Questo vale anche per i nostri laureati in Informatica, come mostrato dai dati di Almalaurea:

  • Nell'ultima indagine, il tasso di occupazione Istat per i laureati magistrali risulta del 95,7%, contro l'81,3% dei laureati di primo livello;

  • la percentuale dei laureati magistrali che a un anno dalla laurea lavora con un contratto a tempo indeterminato è sempre significativamente maggiore di quella dei laureati di primo livello; nel 2012 ha raggiunto il 50% dei laureati magistrali contro il 7,4% dei laureati di primo livello;

  • la retribuzione media di ingresso dei laureati magistrali è strettamente maggiore di quella dei laureati triennali; nel 2012 è stata superiore addirittura del 37%.

Inoltre le indagini Almalaurea rivelano che l'80% dei laureati trova la laurea magistrale o necessaria per l'attività lavorativa (in quanto richiesta per legge o dal contesto lavorativo) o comunque utile anche se non obbligatoria.

Tra i fattori che influenzano le opportunità di lavoro e carriera va considerato l'accesso all'Albo degli ingegneri. La laurea triennale consente solo l'iscrizione alla sezione B dell'albo, nella sezione dell'informazione, mentre la laurea magistrale consente l'accesso alla sezione A. L'iscrizione a questa sezione concede il titolo di ingegnere dell'informazione; agli iscritti alla sezione B spetta solo il titolo di ingegnere dell'informazione iunior.

Alcuni laureati di primo livello (triennali) – specialmente tra i molti che già lavorano – pensano erroneamente che gli studi magistrali non valgano l'impegno richiesto, talora confortati in questa convinzione dall'opportunistica opinione del proprio datore di lavoro. In realtà, dati alla mano, i due anni di studi magistrali, se ben fatti, costituiscono un investimento per il futuro.

I dati Almalaurea completi sono pubblici e possono essere consultati qui.